Trovato: Una moneta che ha fermato lo Zar s Polizia da Voi rasatura

articolo-immagine
Un token fiscale barba russo. Anthony Fontes / Used With Permission

Potrebbero grattarsi il mento di sorpresa. Gli archeologi in Russia hanno recentemente incappato in una moneta del 1699 emessa per contrassegnare il rispetto della “Tassa sulla barba”, che lo zar Pietro il Grande aveva introdotto l’anno prima.

La politica fiscale della barba richiedeva uomini che desideravano tenere la barba per pagare—o essere rasati dalla polizia. In cambio hanno ricevuto gettoni come quello trovato di recente (rame, mentre i tipi più ricchi—che hanno anche pagato di più—hanno ottenuto l’argento), che ha ottenuto loro un passaggio dalle autorità. La moneta-in rilievo con labbra, baffi curvi e barba curata, così come “denaro pagato” in russo—era una delle 5.000 monete storiche trovate nei resti di un edificio del 17 ° secolo nella città russa occidentale di Pskov nel 2016. Gli archeologi solo di recente identificato il token fiscale barba, ed è uno dei più antichi mai trovati, secondo Elena Salmina del Centro archeologico della regione di Pskov.

Pietro istituì la tassa al suo ritorno da un tour dell’Europa occidentale, dove vide nary un mento peloso. Barbe era caduto in disgrazia in Europa nel corso del 17 ° secolo, spiega beard storico Christopher Oldstone-Moore, in concomitanza con l’ascesa della monarchia assoluta—meglio esemplificato da Luigi XIV di Francia. Una rasatura ravvicinata era diventata un modo per esprimere una stretta aderenza agli editti di un monarca assoluto, uno con una corte piena di gesti ossequiosi di disciplina e ordine. Per il giovane zar, radere i suoi compatrioti divenne parte integrante dei suoi più ampi sforzi per rifare la Russia nell’immagine della Gran Bretagna, dell’Olanda e della Francia.

articolo-immagine
Un ritratto del 1698 di Pietro il Grande, con un paio di baffi notevolmente esile. Godfrey Kneller / Public Domain

Ma Oldstone-Moore, della Wright State University e autore di Of Beards and Men: The Revealing History of Facial Hair, suggerisce che Peter stava facendo di più che emulare altre corti reali. ” Pietro aveva bisogno che le persone mostrassero di essere leali a lui, non alla chiesa”, dice. In effetti, uno dei problemi che dividevano l’ortodossia orientale dalla Chiesa cattolica era la peluria facciale: la rasatura era diventata legge canonica per i sacerdoti cattolici, mentre le loro controparti ortodosse vedevano più pietà nel rimanere irsute. Facendo radere gli uomini russi, Pietro cercò di tagliare l’influenza della chiesa e far crescere la sua.

Sembra aver funzionato. La maggior parte degli uomini russi ha scelto di mantenere i loro soldi piuttosto che i loro peli sul viso, dice Oldstone-Moore, e la tassa non è stata revocata fino al 1772 (quando molti dei token sono stati fusi e riproposti). Forse Leo Tolstoj, Fëdor Dostoevskij e Anton Cechov stavano solo recuperando il tempo perduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.