NASA – National Aeronautics and Space Administration

la NASA gli Occhi Effetti di un Gigante “Brown Cloud” in tutto il Mondo
12.15.04

gli scienziati della NASA ha recentemente annunciato che un gigante, smog atmosferico “brown cloud” che si forma sopra l’Asia Meridionale e l’Oceano Indiano ha intercontinental raggiungere, e ha effetti in tutto il mondo.

Ancora dal film China Shenzhen

Immagine/animazione sopra: una fitta coltre di aria inquinata aleggia sulla Cina centro-orientale. La “Nuvola marrone gigante” è un mix malsano di ozono, fumo e altre particelle provenienti dalle attività umane. Clicca sull’immagine per visualizzare l’animazione. Credito: NASA / ORBIMAGE
La parola “smog” è stato coniato mescolando i termini “fumo” e “nebbia.”Tuttavia, oggi smog significa inquinamento atmosferico. Lo smog è un mix di particelle e gas malsani tra cui l’ozono che indugiano nella bassa atmosfera, o la troposfera.
Gli scienziati hanno studiato i processi intercontinentali di smog o ozono associati alla “nuvola marrone” utilizzando una nuova tecnica della NASA per combinare i dati acquisiti dai satelliti con i dati di ozono misurati da strumenti su speciali palloni meteorologici. La nuvola marrone è una massa d’aria persistente, ma in movimento, caratterizzata da una foschia a particelle miste, tipicamente di colore marrone. Contiene anche altri inquinanti, come l’ozono.

Ancora dall'animazione Buona/cattiva

Immagine/animazione sopra: L’ozono può essere buono o cattivo a seconda della sua posizione. L’ozono ” buono “situato nella stratosfera blocca la radiazione ultravioletta dannosa dal raggiungerci, mentre l’ozono” cattivo ” nella bassa atmosfera agisce come un inquinante che degrada la qualità dell’aria che respiriamo. Clicca sull’immagine per visualizzare l’animazione. Credit: NASA
” Gli scienziati hanno scoperto che sia l’inquinamento delle nuvole marroni che i processi naturali potrebbero contribuire a livelli malsani di ozono nell’atmosfera inferiore. Un po ‘ di ozono dalla nube sale ad altitudini più elevate e si diffonde nell’atmosfera globale”, ha detto Robert Chatfield, scienziato del NASA Ames Research Center nella Silicon Valley californiana. “L’ozono che esce dalla” nuvola marrone “è correlato ad esso, ma in senso stretto, la nuvola marrone visibile è solo la componente aerosol di questo stufato smoggy”, ha spiegato Chatfield.
“L’ozono è un giocatore tripla minaccia nell’ambiente globale. Questa forma di ossigeno può essere buona, cattiva o brutta. Ci sono tre modi molto diversi in cui l’ozono influenza le nostre vite”, ha detto Chatfield.

Immagine ancora da Pearl River animationImmagine ancora da Pearl River animation

Immagini sopra: Urbano nel sud della Cina è aumentato di oltre il 300% tra il 1988 e il 1996. Il satellite Landsat della NASA ha ottenuto immagini della regione dal 1973 al 2001. La crescita della popolazione è un fattore che influenza la dimensione della “Nuvola marrone gigante.”Fare clic su entrambe le immagini per visualizzare l’animazione. Credit: NASA

Nell’atmosfera superiore, o la stratosfera, l’ozono è molto buono, in quanto agisce come uno scudo per proteggere la vita sulla Terra dai dannosi raggi ultravioletti del sole. Vicino alla superficie terrestre, l’ozono o lo smog, possono bruciare i nostri polmoni e danneggiare le colture.
Lo strumento di monitoraggio dell’ozono sul satellite Aura della NASA sta fornendo nuovi dati sulla nube marrone.”Le belle immagini ad alto dettaglio di questo nuovo strumento promettono di aiutarci a risolvere le nostre principali domande su quanto dell’ozono troposferico proviene dall’inquinamento e quanto proviene da fattori naturali”, ha detto Chatfield.

Ancora dall'animazione che mostra il percorso della nuvola marrone.

Immagine / animazione sopra: le particelle provenienti dall’inquinamento atmosferico, come la “Nuvola marrone gigante”, possono viaggiare in tutto il mondo. Nell’aprile del 2001, i satelliti della NASA hanno visto una massiccia tempesta di polvere apparire sulla Cina. La parte più densa dell’inquinamento da aerosol viaggiò verso est sopra il Giappone, l’Oceano Pacifico e, nel giro di una settimana, gli Stati Uniti. Clicca sull’immagine per visualizzare l’animazione. Credito: NASA
Questo nuovo studio esamina l’ozono come un gas serra, uno che può riscaldare il pianeta. “L’inquinamento da ozono che abbiamo studiato aggiunge anche effetti di riscaldamento, che si verificano in tutta la bassa atmosfera”, ha dichiarato Chatfield.

Immagine di Titano, luna di Saturno.

Immagine a destra: I ricercatori stanno attualmente studiando la luna di Saturno, Titano, per comprendere meglio le connessioni tra foschia atmosferica, venti e luce solare. Confrontando le atmosfere di Titano e la Terra può far luce sui processi di smog di base su entrambi i mondi. Clicca sull’immagine per ingrandirla. Credit: NASA
L’analisi mostra che l’ozono nella bassa atmosfera sopra l’Oceano Indiano proviene dalla zona industriale-agricola intensamente sviluppata nella regione. L’accumulo di inquinanti del sud ha effetti a lungo raggio, spesso viaggiando attraverso l’Africa, ben oltre la principale nuvola marrone di particelle.

Ancora dall'animazione Synthomi

Immagine/animazione sopra: Aura, l’ultimo satellite di osservazione della Terra di nuova generazione della NASA, studierà i livelli di ozono nella nostra atmosfera con il suo Ozone Monitoring Instrument (Ozone). Questa simulazione mostra l’OM al lavoro. Clicca sull’immagine per visualizzare l’animazione. Per ulteriori informazioni sul progetto Aura, visitare:http://www.nasa.gov/aura Credito: NASA
L’analisi degli scienziati concorda con i precedenti giudizi dei ricercatori: sia l’ozono smoggy che l’aerosol smoggy brown consentono correzioni rapide e relativamente a basso costo rispetto all’anidride carbonica.
Lo strumento di monitoraggio dell’ozono sul satellite Aura della NASA sta fornendo agli scienziati nuovi dati sulla nuvola marrone. Le immagini ad alto dettaglio del nuovo strumento promettono di aiutare gli scienziati ad affrontare le principali domande che includono ” cos’è l’inquinamento?’e’ ciò che è naturale?'”
Per accedere alle informazioni tecniche sullo studio ‘brown cloud’ sul Web, visitare il sito: Dr. La ricerca di Chatfield sulla nuvola marrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.